Possibile ottenere più efficienza dalla distribuzione?

Come rendere più efficiente la trasmissione e la distribuzione energetica

Riuscite ad immaginare cosa possa significare ibridazione? Probabilmente sì.

Tutti noi siamo ibridi.

Uniamo dentro di noi tutte le esperienze, le nostre conoscenze, i nostri piaceri, i nostri dispiaceri e diventiamo un qualcosa che le comprende tutte.

Avete mai pensato all’energia che esprimiamo?

Anch’essa, ovviamente, risente dell’ibridazione.

Ma ora parliamo di altro.

Parliamo di energia elettrica ibrida. Anzi, più precisamente, di distribuzione elettrica ibrida.

Conoscete la differenza tra distribuzione e trasmissione?

In breve, la trasmissione è la distribuzione energetica ad alta ed altissima tensione, mentre la distribuzione è a bassa o media tensione.

Dei ricercatori dell’Università di Waterloo hanno ideato un sistema di distribuzione che potrebbe risultare maggiormente efficiente rispetto a quello tradizionale.

L’idea si basa sull’uso contemporaneo di corrente elettrica continua (DC) e corrente elettrica alternata (AC).

I ricercatori in questione hanno ideato un sistema nel quale la corrente viene distribuita in modo equilibrato in entrambi i modi: questo permette di avere minori conversioni da un tipo di corrente elettrica all’altro, e così si avrebbe una minore perdita di energia.

COME FUNZIONA ATTUALMENTE LA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA?

3D Electric powerlines over sunrise

Attualmente l’elettricità viene distribuita sotto forma di corrente alternata ad alto voltaggio: questo perché si ha una minore perdita di energia. Quando la corrente elettrica arriva all’utente finale, il voltaggio viene ridotto attraverso dispositivi chiamati trasformatori.

Allo stesso tempo, dato che i dispositivi elettronici di uso comune come i computer, i televisori e gli smartphone, utilizzano corrente continua, devono includere convertitori AC-DC che trasformano la corrente alternata in corrente continua.

MA EFFETTIVAMENTE IN COSA CONSISTE QUESTA NOVITÀ?

Il nuovo sistema ibrido AC-DC, il prodotto di un sofisticato modello computerizzato, introduce convertitori AC-DC in punti strategici nel sistema di distribuzione, invece che solo nei punti terminali ai quali gli utenti accedono.

Il sistema ibrido offre vantaggi rispetto al sistema tradizionale: infatti, si potrebbe risparmiare oltre il 5% dell’energia persa e dei costi infrastrutturali.

Se i device elettronici e i veicoli elettrici non avessero bisogno di convertitori interni per un lungo periodo, essi risulterebbero meno costosi da assemblare e utilizzerebbero meno elettricità.

“Quando sentite caldo uscire dal caricatore del vostro computer, quella è energia persa” dice Ahmed, ricercatore dell’Università di Waterloo.

“Possiamo eliminare queste perdite in modo tale da consumare meno energia”. Questo sistema ibrido esprime il suo maggior potenziale nelle nuove aree residenziali e aree commerciali, o quando sistemi esistenti vengono espansi con nuove sottostazioni.

Anche voi siete ibridi? Volete esprimere il vostro potenziale residente nelle vostre esperienze?

Iscrivetevi alla nostra community e potrete accrescere voi stessi.

B.A.S.E., l’Energy Community rivolta a te. Iscriviti subito!

0 Comments

Leave a reply

we do change the world
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account