Sognare per realizzare

Sognare per realizzare.

Sogni mai?

Te lo sto chiedendo, si.

Aspetta però, voglio aiutarti nel pensare ad una risposta.

Non pensare al sognare come “normalmente” si intende.

Non pensare all’atto che avviene durante il sonno. Non pensare a quello.

Pensa a quando guardi una ragazza e ti innamori.

E’ bellissimo no? Mentre la guardi, ti scatta quel “click” nel cervello che ti manda in estasi.

Couple love

Cominci a pensare a lei tutti i giorni, cerchi di trovare il modo di conquistarla, sei disposto a tutto pur di averla con te.

Pensa a quello, perchè fin quando non l’ avrai conquistata, il tuo sarà stato un sogno.

Spesso pensiamo che i sogni debbano essere giganteschi. In realtà, la dimensione del sogno la decidiamo noi e l’ambiente in cui ci troviamo.

Per capire questo, basta pensare alle persone più povere di noi. Pensate davvero che un ragazzo africano che a malapena riesce a mangiare, possa sognare di comprare una villa?

Vi faccio un altro esempio che mi riguarda.

Il 4 Agosto 2018, io e mio padre siamo partiti per un’escursione piuttosto impegnativa ( quanto meno per me sicuramente, visto che non mi allenavo da 4 anni, ormai )

Come obiettivo, avevamo quello di raggiungere la vetta del Gran Paradiso ( 4060 mt. )

Gran Paradiso
Ecco, sul ghiacciaio la visuale è più o meno questa.

Il primo giorno non ho avuto nessun problema, ed anzi, sembravo addirittura più in forma di mio padre.

Il giorno seguente però, ho cominciato a sentire dolore ai tendini.

A quel punto però, a metà strada tra la vetta ed il rifugio dove ci eravamo fermati, non potevamo tornare indietro.

Sarebbe stata una sconfitta, sia per me che per mio padre.

Allora ho stretto i denti ed ho continuato.

Fino a quando non si è fermato lui, mio padre. Eravamo a 3900 mt, mancava veramente poco alla vetta, ma purtroppo non respirava più molto bene.

Io ero sempre più malconcio. Sentivo un dolore sempre più lancinante, e non riuscivo più a muovere bene le gambe. Le sentivo rigide e pesanti e non appena si muoveva il ginocchio, mi sembrava che la gamba si staccasse dal resto del corpo.

Si avete capito bene, sentivo proprio quella sensazione lì. Immaginatevela brutta e dolorosa, perchè così era.

Football player
La mia espressione era questa, ogni minuto.

Siamo arrivati quasi al punto di chiamare l’ elisoccorso. A me scocciava un sacco. Non volevo far spendere soldi a mio padre.

Ed in quel momento ho sognato. Ho sognato semplicemente di arrivare in fondo alla via. Solo quello. Semplice, semplice.

A quel punto, ho trovato una forza incredibile che mi ha permesso di arrivare fino in fondo.

Poi son stato 4 giorni senza muovermi, ma intanto ero arrivato. Avevo raggiunto il mio obiettivo.

Normalmente sogno cose enormi.

Cambiamenti sociali giganteschi, opere incredibili, viaggi galattici su Saturno, modelle bellissime.

Ma in quel momento, non riuscivo nemmeno a guardare, perchè in alcuni momenti, gli occhi mi si chiudevano dal dolore.

Non sono una persona normale, l ho sempre saputo.

Ma volete sapere perchè? Perchè ho sempre sognato di diventare un esempio per tutti. E per esserlo, qualcosa di diverso devi pur farlo.

Quindi ragazzi sognate e poi cominciate a realizzare.
Quando avrete problemi, perseverate e vedrete che li realizzerete.

C’è sempre una soluzione.

Ma soprattutto ricordatevi che senza sogni, è difficile vivere felici, perchè buona parte della felicità dipende dal perseguire questi ultimi.

Ma veniamo a noi.

Ho parlato dei sogni perchè ieri, ho letto un articolo piuttosto buffo.

Parlava di un sogno. Il sogno di costruire un idrogenodotto in Canada.

E sapete perchè proprio lì?

Perchè il Canada è uno degli Stati con la maggior possibilità di utilizzo di energia rinnovabile. Non quella solare ovviamente, ma quella eolica e geotermica si.

Secondo buona parte degli Stati più importanti di questo mondo ( Cina, Germania, Giappone, Stati Uniti ecc. ), l’ idrogeno è una soluzione ideale per combattere il cambiamento climatico.

Ma perchè quindi, non vengono costruiti più idrogenodotti?

Perchè solo la Germania e gli Stati Uniti si sono mossi in questa direzione?Tra l’altro loro, dandoci dentro.

La Germania ha già costruito 75 stazioni di rifornimento per l’idrogeno con l’obiettivo di arrivare a 100 entro il 2021, mentre gli Stati Uniti ne hanno costruite 65, con circa 1600 km di idrogenodotti costruiti.

Hydrogen pipeline
Un idrogenodotto così non sarebbe male.

In realtà, una motivazione per le altre nazioni c’è.

Stanno infatti cercando di convertire gli attuali gasdotti che trasportano il gas naturale. Il punto è che questa non sarebbe una soluzione definitiva.

Si, perchè purtroppo è molto complesso poter inserire più del 20% di idrogeno negli attuali gasdotti.

Non sono stati costruiti per quello scopo, è evidente.

Quindi si, anche io sogno che gli idrogenodotti aumentino. Perchè se questo potrebbe aiutare a rallentare il cambiamento climatico, ben venga costruirne.

Cosa c’entra tutto questo con i sogni? Beh, noi vogliamo realizzare un grande sogno.

Stiamo progredendo sia sul prodotto che a livello di marketing. Stiamo pian piano, raggiungendo i nostri obiettivi.

Uno dei più importanti di questi è quello di creare il nostro primo cogeneratore che ti possa far risparmiare anche fino a 1000 euro annuali di energia elettrica e calore senza emettere alcuna CO2.

Ma per fare questo dobbiamo capire le tue reali esigenze: compilando il questionario (in soli 3 minuti) non solo ti guadagnerai il diritto di ricevere il nostro ebook gratuito Rinnovabile semplice per utilizzare energia rinnovabile da fonti tue anche a se a casa non puoi metterle, ma entrerai anche a far parte dell’esclusivo Movimento Zer0!

Se invece vuoi credere maggiormente nei tuoi sogni ma ad ora la gente ti ha riso in faccia, puoi contattarci tranquillamente alla nostra mail: info@hydromy.it

Nessuno può rubarti i tuoi sogni.

0 Comments

Leave a reply

we do change the world
or

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

or

Create Account